Quale musica scegliere per il ricevimento di matrimonio?

Quale musica scegliere per il ricevimento di matrimonio?

L’intrattenimento musicale è di fondamentale importanza per un ricevimento di matrimonio ben riuscito. Scegliere è sempre molto difficile per i futuri sposi perché spesso non si conosce a fondo il tipo di spettacolo che si va a selezionare. 

Per questo approfondiremo insieme alcuni dei principali tipi di intrattenimento musicale, illustrandone tutte le possibili sfaccettature.
C’è da notare che il matrimonio si divide in varie fasi, ogn’una delle quali deve avere un sottofondo musicale diverso e adatto al momento.

  • Ricevimento pre-cerimonia
  • Cerimonia
  • Cocktail al ricevimento
  • Pranzo/Cena
  • Taglio della torta
  • Balli e festeggiamenti

Ricevimento pre-cerimonia

E’ di uso comune che gli sposi ricevano gli invitati a casa prima di recarsi nel luogo dove si svolgerà la cerimonia. In questo caso si prepara un banchetto di benvenuto per intrattenere gli ospiti nell’attesa di spostarsi verso la location.
Spesso non si sceglie nessun tipo di intrattenimento musicale per questa fase del matrimonio in quanto non dura mai molte ore e spesso si svolge in appartamenti o piccole case non adatte ad allestire un sottofondo musicale.
Ma ci sono dei casi in cui queste condizioni siano particolarmente favorevoli e che si scelga quindi di chiamare dei musicisti per l’occasione.

Il consiglio in questo caso è di usare gli stessi musicisti (al completo o in formazione ridotta) che poi si esibiranno al ricevimento di matrimonio durante il cocktail di benvenuto.
Un esempio pratico potrebbe essere un sassofonista jazz che potrebbe coprire tranquillamente entrambe le fasi del matrimonio.

Cerimonia

La cerimonia necessita di musicisti adatti alla circostanza, sia che la cerimonia si svolga in chiesa sia che si svolga in altre location. Ecco le principali formazioni:

  • Cantante
  • Duo: cantante + organo, arpa, violino, chitarra acustica, sax, etc..
  • Trio: cantante + due strumenti a scelta

Ovviamente, oltre alla formazione, bisognerà porre particolare attenzione al tipo di performance che i vari artisti propongono per l’occasione. Oltre alle musiche classiche da cerimonia infatti, è possibile richiedere ai musicisti di preparare anche qualche canzone che gli sposi hanno a cuore.

Cocktail al ricevimento

Dopo la cerimonia gli invitati si trasferiranno alla location dove si svolgerà il ricevimento. Ad accoglierli per il cocktail di benvenuto dovranno esserci dei musicisti già pronti che quindi saranno diversi da quelli che hanno suonato durante la cerimonia. La scelta è vasta e comporta un’attenta analisi di come si vorrà sviluppare il ricevimento in seguito.

Molto spesso è gradita la presenza di un cantante pianobar che eseguirà il suo spettacolo dal cocktail di benvenuto fino alla fase finale del ricevimento. Questa opzione è quella più gettonata nella maggior parte dei matrimoni in quanto riesce ad adattarsi alla perfezione a tutte le fasi del ricevimento, proponendo inizialmente un sottofondo musicale jazz o lounge per poi proseguire con le varie canzoni del repertorio fino ad arrivare alla fase finale dei balli di gruppo e/o discoteca.

Se invece si preferisce un sottofondo musicale più classico e delicato è possibile scegliere tra le formazioni di gruppi jazz. A partire da un solo sassofonista, fino ad arrivare a formazioni più strutturate con batteria acustica e contrabbasso uniti a vari strumenti come per esempio: sassofoni, trombe, chitarre, tastiere, etc..

Pranzo/Cena

Durante il pranzo o la cena gli artisti dovranno curare particolarmente la dinamica della loro performance, rendendo l’ambiente gradevole e allegro senza impedire agli ospiti di parlare tra di loro. I musicisti dovranno inevitabilmente alternarsi tra musica dal vivo e sottofondi musicali registrati per permettere agli stessi di mangiare.

Anche in questo caso, a seconda dei gusti, si sceglierà un intrattenimento più coinvolgente con un cantante pianobar o più classico con gruppi jazz o di musica classica.

Taglio della torta

Durante il taglio della torta è molto piacevole avere delle musiche molto care agli sposi. In questo caso si preferisce un cantante capace di interpretarle live, ma in alternativa si può ricorrere anche a canzoni registrate.

Balli e festeggiamenti

Nella fase finale del ricevimento è bene intrattenere gli ospiti coinvolgendoli in balli di gruppo e festeggiamenti. Saper coinvolgere e far ballare tutti è una caratteristica che i musicisti dovranno avere per assecondare ogni volta il gusto del pubblico presente.

Qui le opzioni di intrattenimento si allargano ad una vasta gamma di generi musicali che possono spaziare dalla disco ’70-’80 alla musica italiana, musica da discoteca, balli di gruppo, musica popolare, pop-rock, tribute band.

La scelta fondamentale va fatta analizzando i gusti degli ospiti unitamente a quelli degli sposi. E’ bene non sottovalutare i gusti degli ospiti per non rischiare di annoiarli o semplicemente non riuscire a coinvolgerli nei festeggiamenti.

Maggiori informazioni sul Portale della Musica per Matrimonio.

Domande correleate:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


2 + = 4

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>